Presentazione
Indice Generale
Bibliografia
Autori
Luoghi
Lo staff
Link
Contatti
Guida
Glossario
Motore di ricerca

 
Accesso riservato ai curatori della banca dati

Scheda
: 01.09.2005
: 01.09.2005

La foce del fiume Cesano, cos come gran parte del suo corso, situata confine tra due province Pesaro ed Ancona. Fortemente caratterizzata dal carattere torrentizio del fiume, impietoso ed invadente nei periodi autunnali e a volte primaverili, in magra nel periodo estivo, la foce del fiume Cesano un bellesempio di oasi naturale, dove lopera delluomo stata quella di non intervenire.

La foce presenta tre aspetti essenziali ben distinti lhabitat con fiume in piena, lhabitat estivo con fiume in magra e lhabitat intermedio. Quando il fiume scorre placido e ben contenuto dalle larghe sponde, la foce si trova generalmente nel periodo primaverile, quando la natura offre il meglio dei suoi frutti. I pioppi neri (populus nigra) liberano nel vento i propri semi, le foglie argentate del pioppo bianco (populus alba) creano riflessi luminosi nel verde e nellazzurro del cielo, i cespugli di Salciarella (Lytrum salicaria) iniziano a colorarsi di rosso porpora, gli arbusti del Salice Rosso (salix purpurea) prendono vita dal letto del fiume, mentre i Salici Vetusti e Massicci (salix alba) sembrano tuffarsi dagli argini adombrando il fiume o le vene di acqua residue.

Tutta la foce comincia a prendere vita e non raro incontrare lAirone Cenerino (ardea cinerea), le Garzette (Egretta garzetta) e i Beccacini(gallinago gallinago) che saltellano sul letto del fiume. Pi a valle il cielo dominato dal gabbiano comune (larus ridibundus), che dal mare si spinge allinterno seguendo il corso delle acque. Sui pilastri delle scogliere sommerse, c lombra nera del Cormorano (phalacrocorax carbo). Per chi ama la fauna ittica, potr con facilit e un po di accortezza ammirare i Cavedani (Cephalus cabeda), a pelo dacqua. Il fondale ghiaioso permette la diffusione di Barbi (Barbus plebeius), Cobiti (Cobitis taenia) e Carpe (Ciprynus carpio), le zone pi melmose sono ricche di Anguille (Anguilla anguilla) che ogni anno risalgono il fiume.

La vita continua di notte dove i predatori escono allo scoperto, Gufi (Asio otus) e Barbagianni (Tito alba), Faine e Volpi dalla macchia; specie meno diffuse ma avvistate negli ultimi anni sono il Tasso (Meles meles) e lIstrice (Hystrix crystata). Il paesaggio cambia con larrivo delle piene che trasportano ghiaia e vecchi tronchi, rimane solo il bosco ripariale ed in particolare le Canne domestiche (arundo donax) sempre verdi. Aspetti a prima vista non visibili dellhabitat invernale del fiume e della vallata in cui scorre possono essere scoperti solo percorrendo attentamente i sentieri pi interni dellarea. Linverno anche il periodo dei passi migratori sulle sponde del fiume sono stati avvistati il Combattente (Philomacus pugnax) la Pittima Reale (Limosa limosa) e il Corriere piccolo (Caradrius dubudus), ma la specie che pi di ogni altra attesa per la sua maestosit e bellezza il Germano reale (Anas platyrhynchos).

A pochi chilometri dalla foce nel comune di Mondolfo in frazione Mulino Vecchio si trova il mulino Piagnarelli uno degli ultimi mulini a pietra azionato con lacqua del fiume. Dalle antiche e enormi macine di pietra si ricava una farina grezza principalmente di grano, ma anche di granoturco e di fava, molto apprezzata e di ottima qualit poich, nel lento procedimento di macinatura non subisce il riscaldamento, mantenendo cos tutte le sue propriet ed aumentando i tempi di conservazione. Il lento rumore delle macine e il profumo della farina riportano indietro ai tempi in cui questo lavoro era visto come una ricchezza che portava pane, polenta e crusca per gli animali. Data la scarsa portata estiva del fiume il mulino in funzione per circa nove mesi allanno.